PROTEZIONE DELLA VISTA TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE CON DINAMITEK

Dinamitek presenta la guida sull'identificazione dei fattori di rischio per la vista del lavoratore

Protezione della vista, tutto quello che devi sapere con Dinamitek

Per la protezione dell’occhio, come di ogni parte del corpo in realtà, è indispensabile identificare e classificare gli elementi di rischio per valutare le misure di protezione e i DPI da scegliere per garantire la salute e la salvaguardia del lavoratore. Gli occhiali di protezione, in altre parole, non sono tutti uguali.

Voglio vedere tutta la gamma di DPI protezione della vista

La scelta dei DPI della protezione della vista si basa su tre macro categorie di fattori di rischio:

  1. rischi meccanici
  2. rischi da radiazioni ottiche
  3. rischi chimici

Iniziamo a vedere in cosa consistono queste 3 aree di rischio

Per i rischi meccanici, l’operatore deve essere protetto da:

  • particelle rilasciate ad alta velocità,
  • schegge,
  • polveri di lavorazione e non,
  • goccioline,
  • spruzzi di liquidi.

Per i rischi da radiazioni ottiche abbiamo 3 tipi di radiazioni che mettono a rischio la salute dell’occhio:

  • radiazioni visibili (che compongono il cosiddetto “spettro del visibile”)
  • radiazioni ultraviolette (UV)
  • radiazioni infrarosse (IR)

Nei i rischi chimici rientrano:

  • Fumi, vapori e gas aerosol liquidi
  • polveri fini
  • spruzzi di prodotti chimici

PROTEZIONE DELLA VISTA TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE CON DINAMITEK

Questo quadro mostra in modo chiaro quanto è complesso il mondo della protezione dell’occhio e della vista del lavoratore. Possiamo scendere maggiormente nel dettaglio, per capire concretamente come si manifestano questi rischi.

Per i rischi meccanici, si tratta di rischio da contatto accidentale, il probabile incidente che capita durante il turno di lavoro quando l’azione genera la movimentazione di corpi estranei ad alta velocità.

I danni causati all'operatore da questi eventi possono essere:

  • lesione della cornea
  • lacerazione dell’iride
  • opacità del cristallino
  • irritazione
  • dolore
  • congiuntivite

In genere gli ambiti lavorativi in cui si possono verificare questi rischi sono gli ambienti di lavoro dove si eseguono operazioni di:

  • tornitura
  • fresatura
  • sabbiatura
  • rivettatura
  • molatura

e tutte le operazioni in cui si verificano frequentemente proiezioni di particelle solide volatili di metallo, pietra, sabbia, legno

I DPI adeguati per affrontare senza preoccupazione questo tipi di rischio sono:

  • occhiali per impatti a bassa energia “F”, ovvero con velocità d’impatto fino a 45 m/s (162 km/h)
  • maschere per impatti a media energia “B”, ovvero a velocità d’impatto fino a 120 m/s (432 km/h)

Voglio vedere tutta la gamma di DPI protezione della vista

Per i rischi da radiazioni ottiche come abbiamo detto prima abbiamo 3 tipi di radiazioni che mettono a rischio la salute dell’occhio, riconoscibili nelle situazioni in cui abbiamo l’operatore esposto a sorgenti di radiazioni infrarosse e ultraviolette, oppure abbagliamento dovuto a luce intensa

I DPI adatti per proteggere correttamente l’occhio sono occhiali di protezione dotato di lenti o filtri appositi. Si riconoscono grazie alla marchiatura secondo la normativa europea

  • filtri per ultravioletti (EN 170)
  • filtri solari per uso industriale (EN 172)
  • filtri per saldatura (EN 169)

In questo caso, per stabilire il mezzo di protezione dell’occhio entra in gioco la fisica, ritorniamo alle nozioni apprese sulla teoria corpuscolare della luce. Per farla breve la luce solare attraversa l’ozono e si presenta in diverse forme, le tre indicate nella tabella introduttiva.

  • radiazioni dello “spettro del visibile”: radiazioni elettromagnetiche percepite come colori.
  • radiazioni ultraviolette (UV): sono radiazioni elettromagnetiche invisibili e dannose se l’occhio ne rimane esposto troppo a lungo.

    Causano:

o lesione della cornea

o congiuntivite

o cecità parziale

o invecchiamento prematuro del cristallino

o cataratta

  • radiazioni infrarosse (IR): sono radiazioni elettromagnetiche dannose. Sono le stesse che derivano da lavorazioni dove si emette calore come la saldatura e la lavorazione del vetro e dei metalli. In questo caso i danni sono percepiti in modo immediato rispetto all’esposizione dannosa.

    Causano:

o opacizzazione del cristallino

o cataratta

o cecità parziale

Per i rischi chimici il lavoratore deve stare attento a fumi, vapori e gas, aerosol liquidi, polveri fini, spruzzi di prodotti chimici.

Questi agenti di rischio si incontrano in specifiche tipologia di lavorazioni:

  • manipolazione di polveri tossiche
  • manipolazione di liquidi corrosivi

I campi di applicazione dove ciò si verifica sono:

  • professione medica
  • settore agro-alimentare
  • gestione dei rifiuti

In tutti questi luoghi sono presenti microrganismi che possono provocare la contaminazione degli individui chiamati a operare in tali contesti.

I rischi a cui si è soggetti sono:

  • congiuntivite
  • ulcerazione della cornea
  • infezioni virali
  • cecità parziale
  • cecità totale

Voglio vedere tutta la gamma di DPI protezione della vista

DPI vista, individuare i fattori di rischio e la giusta protezione con Dinamitek

Potrebbe anche piacerti

Lascia un commento