DINAMITEK PRESENTA UNA GUIDA SU COME ESEGUIRE UNA CORRETTA POTATURA INVERNALE

Potatura invernale segui la guida per eseguirla in modo corretto Dinamitek

Dinamitek presenta una guida su come eseguire una corretta potatura invernale

La cura delle piante da giardino è un'attività che riguarda tutto l'anno e non solo la bella stagione. Questa ovvia osservazione porta alla specifica domanda che non ha una così ovvia risposta: “Quali sono i giusti interventi da operare in inverno?”

Le piante vanno preparate ad affrontare la bella stagione, che siano alberi da frutto o piante ornamentali da giardino. Ma attenzione, ogni tipo di pianta ha le sue esigenze, vediamo come curarle d'inverno.

Vedi la gamma di attrezzature per occuparsi del giardino in tutte le stagioni 

Febbraio è il momento più adatto per intervenire sugli arbusti fioriti a dicembre e a gennaio. E' il periodo dell'anno in cui riprende l'attività vegetale dopo la lunga pausa dei mesi più freddi. Le giornate sono più lunghe e soleggiate, le piante hanno bisogno del nostro intervento.
Agire nel modo giusto garantirà una fioritura rigogliosa e copiosi raccolti. Valuta innanzitutto che non sia periodo di gelate, altrimenti rimanda le operazioni di potatura. Potare nel periodo delle gelate espone la pianta al pericolo perché dopo il taglio dei rami la pianta è più debole e non è in grado di affrontare il freddo, mentre potare troppo tardi nella stagione vuol dire arrecare alla pianta uno stress mentre deve dedicarsi completamente alla ripresa vegetativa.

Se non fa freddo puoi potare la siepe e i roseti, il tuo intervento influirà sulla forma che prenderanno gli arbusti.

Sugli alberi a foglia caduca devi eliminare i rami secchi e quelli malati. I restati rami vanno accorciati. Esegui i tagli obliqui a 1 cm sopra la gemma rivolta verso l'esterno. Se la pianta non deve occuparsi di nutrire i rami secchi e malati potrà dedicare tutte le sue energie ai nuovi getti.

Se hai un orto è il momento giusto per eseguire il ringiovanimento delle aromatiche suffruticose.

DINAMITEK PRESENTA UNA GUIDA SU COME ESEGUIRE UNA CORRETTA POTATURA INVERNALE

Agli alberi da frutto va eseguita la potatura di formazione. Per eseguire la potatura di formazione ti serve la motosega, il segaccio o il tronca rami a seconda dello spessore del ramo da tagliare. La ferita procurata alla pianta va protetta con appositi mastici, per ripararla dalle intemperie.


In particolare a febbraio devi concentrarti sulla potatura di albicocco, cotogno, mandorlo, melo, pero, pesco, susino e vite.
Non ti sbagli se decidi di potare gli alberi che fanno piccoli frutti.
Ogni tipo di pianta ha la tecnica più adatta da eseguire, anche in base alla forma di allevamento che si desidera ottenere. Attenzione a non eseguire una potatura troppo severa che comprometterebbe la produzione (rischi di eliminare le prime gemme).

Per il ciliegio e il mandorlo la forma libera è quella che da maggiori risultati. La potatura asseconda la forma naturale della pianta. In genere questa soluzione è comoda quando si ha un unico esemplare per tipo.

Per le piante rosacee come il cotogno, il melo e il pero puoi optare per la forma a piramide, a vaso, a palmetta. Queste sono le prime piante che necessitano di potatura.

Per le piante drupacee come albicocco, la nettarina, il pesco e il susino le forme indicate da raggiungere con la potatura sono a vaso, a palmetta e a fusetto.

Per la forma a piramide si deve spuntare l'asse centrale della pianta. Nel corso degli anni la pianta segue l'asse centrale perché si andrà sempre a potare il ramo più alto che rinasce dal tronco principale della pianta. È una forma di allevamento in volume, presente nelle coltivazioni più tradizionali.

La forma di allevamento a palmetta è la più indicata per i frutteti familiari, consente di dare una forma regolare alle piante in modo da contenere lo spazio occupato. Si tratta di impalcare la pianta in una rigida struttura geometrica per permettere lo sviluppo vegetale su un piano verticale. Per realizzare questo tipo di forma servono dei pali e dei fili metallici.

Tra le forme a palmetta puoi optare per:

  • la forma a U,
  • la forma a doppia U,
  • la forma a candelabro,
  • la forma verrier,
  • la forma a Y,
  • la forma a V,
  • la palmetta intermedia con la forma regolare a branche orizzontali,
  • la palmetta intermedia con la forma regolare a branche oblique.

Si tratta di forme architettoniche che richiedono molto impegno e cura, ma di indubbia resa dal punto di vista dell'impatto visivo.

Vedi la gamma di attrezzature per occuparsi del giardino in tutte le stagioni 

Preparati alla fioritura con Dinamitek.

Potrebbe anche piacerti

Lascia un commento