DINAMITEK PRESENTA UNA GUIDA PER ESEGUIRE AL MEGLIO LA SALDATURA AD ELETTRODO

Tecnica di saldatura a elettrodo con Dinamitek

Dinamitek presenta una guida per eseguire al meglio la saldatura ad elettrodo.

Eseguire al meglio una saldatura ad elettrodo prevede una serie di piccoli accorgimenti. Dinamitek vuol condividere i trucchi del mestiere, perché la soddisfazione non sta nel vendere macchine, ma nel sapere che si contribuisce al miglioramento delle prestazioni lavorative. Oggi si dedica ai saldatori.

Vai alla gamma saldatura

Prima di iniziare a saldare occorre preparare gli smussi. Uno smusso non accuratamente preparato non permette la penetrazione al vertice durante la saldatura e ciò è un innesco alla rottura, ciò significa che lo smusso va effettuato in modo da consentire all'elettrodo di arrivare a riempirlo. Si sa che un pezzo solo parzialmente saldato non ha tenuta, prepara il lavoro in modo da non temere le sollecitazioni.

 

Ora sei pronto per iniziare a saldare, vediamo come si accende un elettrodo: è facile come accendere un fiammifero.

Fai contatto sul pezzo con la punta per accendere l'arco, questo circa 5 cm più avanti del punto dove devi iniziare la saldatura. Velocemente riavvicina l'elettrodo al pezzo senza toccarlo così l'arco rimane acceso e portati dove devi iniziare il cordone. Procedi a saldare lentamente. Ricordati che la distanza tra la punta dell'elettrodo e il pezzo deve essere uguale al diametro dell'elettrodo che stai utilizzando. Devi mantenere la distanza costante per tutta l'esecuzione della saldatura.

Al cambio dell'elettrodo si riparte due o tre centimetri più avanti rispetto al punto dove hai interrotto il cordone, si torna indietro sormontandolo per un centimetro e si prosegue come indicato prima.

 

DINAMITEK PRESENTA UNA GUIDA PER ESEGUIRE AL MEGLIO LA SALDATURA AD ELETTRODO.

La prima nozione riguarda la posizione che si assume: il cavo della pinza porta elettrodo si tiene intorno all'avambraccio dal lato che impugni la pinza, ciò per manovrare meglio l'elettrodo. Questa posizione ti farà stancare meno quando saldi.

Evidentemente cambia la tecnica che dovrai adottare se saldi in piano o no, in base alla posizione dovrai decidere come procedere.

Per saldare il piano deposita la prima passata senza oscillare l'elettrodo, nelle passate successive oscilla l'elettrodo mai oltre tre volte il diametro dello stesso. Lo smusso creato prima va riempito, vediamo come: molta attenzione va posta alla sequenza delle passate sovrapposte. Ad ogni passata usa martellina e spazzola per pulire il cordone. Accavallando i cordoni, nelle passate successive, fai attenzione a non farli nella stessa linea ma sovrapposti, in modo da non creare inneschi di rotture.  

In posizione non piana cambierà il modo di saldare se devi fare una verticale ascendente o discendente.

  • In verticale ascendente usa meno intensità di corrente e tieni l'elettrodo leggermente inclinato circa 70°-80° ed esegui l'oscillazione come in posizione piana. Otterrai una buona penetrazione.
  • In verticale discendente scegli un elettrodo adatto, tieni l'arco corto, l'elettrodo inclinato a 120° e oscilla anche durante la prima passata. Ricordati che la penetrazione ottenuta è limitata, quindi usa questa tecnica solo per saldare lamiere e tubi sottili.

            Per saldare frontalmente “a cordicella” tieni l'elettrodo perpendicolare alla lamiera e inclinato di 60° sull'asse di avanzamento. Effettua un primo cordone stretto che fa da appoggio alle passate successive. Effettuale tutte con la stessa inclinazione.

            Per operare sottotesta tieni l'arco molto corto, l'elettrodo perpendicolare alla lamiera e inclinato di 80° sull'asse di avanzamento. Oscilla eseguendo spire molto ravvicinate, alterna con spire ancora più piccole se il metallo tende a colare, basterà farlo per brevi istanti. Per unire i due cordoni esegui una spirale molto lunga poi torna indietro e riprendi il motivo regolare delle spirali come eseguito per tutto il procedimento di saldatura. Ripassando eliminerai la scoria tra i due cordoni.

            Per saldare ad angolo effettua una prima passata senza oscillare con elettrodo inclinato di 45° nel senso dell'avanzamento al centro della giunzione. Nelle passate successive mantieni la stessa inclinazione e oscilla l'elettrodo.

 

Per spegnere l'arco soffermati un sulla fine del crostone, torna indietro di circa due centimetri e allontana l'elettrodo per spegnere l'arco. Facendo così eviti il caratteristico cratere che è un innesco alla rottura.

Per la prima passata prima di staccare togliti dalla zona di saldatura, per le passate successive basterà sormontare il cordone allungando l'arco.

Per evitare le inclusioni posiziona terminali puntati all'inizio e alla fine dei giunti, da togliere a lavoro eseguito.

Vai alla gamma saldatura 

Ora hai tutte le indicazioni che ti occorrono per procedere con i tuoi lavori di saldatura a elettrodo.
Ricordati che per ogni dubbio o specifica puoi contattare  i nostri tecnici info@dinamitek.com.

 

INIZIA A SALDARE, con le performanti saldatrici e i consigli Dinamitek.

Potrebbe anche piacerti

Tutti i commenti

  1. DINAMITEK

    Caro Sergio, la saldatura è una di quelle di attività che riempiono di gratificazione, perché all'impegno segue un netto miglioramento delle prestazioni La miglior saldatrice Hobby attualmente disponibile nel nostro catalogo è la FORCE 165 TELWIN in vendita in promozione con in OMAGGIO guanti elettrodi e maschera TRIBE a soli 150,00 euro + iva lasciamo il link per la scheda tecnica https://bit.ly/2vN3JHx Buon lavoro _ Lo Staff _

  2. SERGIO

    Proprio la guida che serviva a me, grazie :) Come saldatrice ad elettrodo per me che voglio iniziare a muovere i primi passi in questo settore, quale modello consigliate? Prendere questa saldatrice ad elettrodo http://saldatrice-top.com/saldatrice-deca-sil-313/ conviene per me che sono alle prime armi? Qualche altra saldatrice da consigliare?

Lascia un commento