DINAMITEK CONSIGLIA COME LAVORARE IN SICUREZZA CON IL TRAPANO A COLONNA

Indicazioni di sicurezza per lavorare con il trapano a colonna Dinamitek

Dinamitek consiglia come lavorare in sicurezza con il trapano a colonna


Parlando di trapano a colonna e del suo utilizzo in sicurezza, gli operatori spesso si trovano coinvolti nella discussione: guanti da lavoro si, guanti da lavoro no.
La spiegazione fornita da chi non vuole indossare i guanti è molto semplice: chi utilizza il trapano a colonna ha il timore che il guanto stesso possa rimanere impigliato nel mandrino in rotazione trascinando il braccio dell’operatore e causare così un grave incidente.


Voglio vedere i trapani a colonna


In realtà questa è una mezza verità, perché se è vero che esiste il pericolo di rimanere impigliati negli utensili rotativi in movimento, è anche vero che gli stessi sono dotati di appositi dispositivi di sicurezza che se utilizzati correttamente evitano gli infortuni. Se si rispettano le indicazioni di sicurezza, non si avvicinano le mani, annullando il pericolo di rimanere agganciati.
Una cattiva abitudine, tipica degli operatori del trapano a colonna, è di lavorare trattenendo il pezzo con le mani invece di fissarlo saldamente alla tavola. Quella che può sembrare una perdita di tempo si rivela una buona prassi salvavita, perché il pezzo ancorato non si deve trattenere con le mani quindi non si rischia il contatto tra l’utensile in movimento. Mai sottovalutare il rischio potenziale di una macchina utensile, anche quando sembra di avere il completo controllo.

DINAMITEK CONSIGLIA COME LAVORARE IN SICUREZZA CON IL TRAPANO A COLONNA


Il trapano a colonna è dotato di dispositivi di sicurezza che non vanno mai manomessi o rimossi, come lo schermo di protezione che fa da barriera tra l’operatore e il mandrino in movimento, fonte di lancio di materiale pericoloso (schegge, residui, trucioli, polvere).
Queste macchine sono realizzate con una serie di sistemi di sicurezza che lavorano in serie, nel senso che certe componenti si bloccano e si sbloccano in base alla posizione degli altri, ad esempio il vano pulegge non si può aprire finché lo schermo di protezione è in posizione. Quando si apre lo schermo di protezione si attiva il microprocessore di sicurezza che interrompe l’alimentazione del motore del trapano. Lo stop lascia comunque qualche secondo al mandrino, che rallenta la sua corsa fino a fermarsi. Ovviamente non si avvicinano le mani al mandrino e all'utensile fino all'arresto completo, anche se sembra che la rotazione sia sufficientemente debole.
Il cambio degli utensili o la regolazione della velocità si effettuano solo a macchina ferma e a mandrino fermo. Non si deve anticipare l’azione per evitare incidenti. Per lo stesso motivo non ci si allontana dalla macchina finché il mandrino non è del tutto fermo, perché anche se ruota a bassa velocità il rischio sussiste.


I trucioli dalla tavola e dalla punta non si tolgono con le mani, ma con pinze o spatole. Occorre usare questa accortezza anche a macchina ferma.
È buona norma tenere il motore del trapano a colonna pulito: un compressore è utilissimo per soffiare via polvere e trucioli senza entrare in contatto con la macchina.


Riassumendo, quando si utilizza il trapano a colonna, indossare sempre:

Nel contempo è bene non indossare vestiti larghi, gioielli e tutto quanto si può agganciare al mandrino e causare danni irreparabili. Se si hanno i capelli lunghi, vanno tenuti legati.


Voglio vedere i trapani a colonna

Lavora in sicurezza, con i consigli Dinamitek

Potrebbe anche piacerti

Lascia un commento